FAQ – Domande ricorrenti

Non membri dell’UE/AELS

Presupposti per il rilascio dei permessi

Il n. 4.4.11 delle istruzioni LStr illustra in maniera chiara e concisa le principali disposizioni.
Istruzioni LStr

Con l’introduzione della nuova legge federale sugli stranieri, il 1° gennaio 2008, sono intervenuti i cambiamenti seguenti:
Possono essere ammessi impiegati alla pari provenienti da Stati terzi (p.es. USA, Canada, Tailandia ecc.) solo se il collocamento è avvenuto tramite un’agenzia autorizzata riconosciuta dalla seco. Sinora vi sono poche agenzie specializzate nel collocamento di giovani alla pari (p.es. Pro-Filia). Nel corso dell’anno dovrebbero tuttavia esserne create di nuove. Altra novità: possono essere collocati e autorizzati in qualità di impiegati alla pari esclusivamente giovani di età tra i 18 e i 25 anni.

Per l’assunzione di giovani alla pari provenienti da Stati dell’UE/AELS non è necessario il collocamento tramite un’agenzia. Nello spazio UE/AELS, inoltre, il limite d’età resta come sinora tra i 17 e i 30 anni. Una volta entrati in Svizzera, gli impiegati alla pari provenienti da Stati della vecchia UE o dell’AELS (p.es. Francia, Spagna, Inghilterra, Norvegia ecc.) devono semplicemente annunciare il loro arrivo presso le autorità di controllo degli abitanti del luogo di dimora e ottengono dopo presentazione del contratto di lavoro un permesso di dimora o un permesso di dimora di breve durata. Gli impiegati alla pari provenienti dai nuovi Stati dell’UE (p.es. Polonia, Slovacchia) soggiacciono invece come sinora all’obbligo del permesso di dimora, che devono sollecitare presso le competenti autorità cantonali:
Elenco con indirizzi di contatto

Sì, ti occorre un permesso di dimora in vista di un’attività lucrativa. Lo otterrai unicamente se il pratico è parte integrante dello studio.

Il tuo permesso di soggiorno nell’UE/AELS non influisce sull’iter procedurale svizzero. In Svizzera sottostai alle medesime condizioni d’ammissione vigenti nei confronti delle persone che entrano direttamente da uno Stato terzo (panoramica delle condizioni d’ammissione). Di regola occorre anche un visto d’entrata, da ritirare presso la rappresentanza svizzera dopo il rilascio del permesso di dimora.
Condizioni d’ammissione

Osservazione: Se sei impiegato da una ditta con sede nell’UE/AELS puoi farti distaccare in Svizzera per un periodo di 90 giorni nel quadro dell’Accordo sulla libera circolazione delle persone. In tal caso basta notificare l’impiego. Per ulteriori informazioni clicca qui: 
Vivere e lavorare in Svizzera

Un'offerta di lavoro in svizzera non è sufficiente per ottenere un permesso di lavoro. Il suo datore di lavoro deve rispettare il principio della priorità dei lavoratori indigeni e dei paesi UE/AELS e dimostrare che le qualifiche personali (in particolare le qualifiche professionali) e le condizioni di salario e di lavoro sono rispettate. Inoltre, un'unità del contingente di permessi corrispondente deve essere disponibile. Un breve riassunto delle condizioni di ammissione più importanti è disponibile qui: 
Condizioni di ammissione

Rivolgiti alle autorità della migrazione del Cantone in cui intendi studiare. Troverai la lista di tutte le autorità cantonali della migrazione qui: 
Autorità cantonali della migrazione e preposte al mercato del lavoro


Procedura

Anzitutto ti occorre un’offerta di lavoro da parte di un datore di lavoro svizzero. Per saperne di più sull’ulteriore iter procedurale clicca qui: 
Iter procedurale

Troverai la lista di tutte le autorità cantonali della migrazione qui: 
Autorità cantonali della migrazione e preposte al mercato del lavoro

Troverai informazioni dettagliate cliccando qui: 
Documentazione per la domanda

Informati anche presso le autorità cantonali per sapere se ti occorrono ulteriori documenti.

La procedura coinvolge diverse autorità: le rappresentanze svizzere all'estero, le autorità cantonali della migrazione, le autorità cantonali preposte al mercato del lavoro e la SEM. Non possiamo pertanto fornirti informazioni vincolanti sulla durata complessiva della procedura. In casi ricorrenti che non richiedono ulteriori chiarimenti (p.e. trasferimento di quadri all'interno di ditte internazionali, personale scientifico altamente qualificato) il permesso è rilasciato nello spazio di ca. tre settimane, a condizione che la documentazione per la domanda sia completa. Se una ditta inoltra una domanda di permesso per la prima volta o in situazioni particolari che non ricorrono di frequente, l'esame della domanda può richiedere più tempo.

No, la decisione della SEM non autorizza l’entrata. Le autorità cantonali della migrazione devono dapprima trasmettere alla rappresentanza svizzera l’autorizzazione per il rilascio del visto (attualmente ciò avviene elettronicamente). Siccome i tempi per l’espletamento di tale mansione varia da un Cantone all’altro, non possiamo dirti con certezza quando avrà luogo la trasmissione.


Sicurezza sociale (AVS/AI, LPP, LAINF ecc.)

Puoi chiedere alle diverse assicurazioni sociali di stabilire un estratto conto relativo al tuo saldo attivo.

  • LPP (cassa pensione, secondo pilastro) à rivolgiti alla tua cassa pensione (ovvero la cassa pensione presso la quale ti ha iscritto il tuo datore di lavoro)

Ricongiungimento familiare

vai a inizio pagina Ultimo aggiornamento 14.11.2011