Gestione integrata delle frontiere / Integrated Border Management (IBM)

Parole chiave: Politica di sicurezza

La migrazione illegale, il traffico di migranti qualificato e la criminalità transfrontaliera costituiscono sfide importanti per le autorità federali e cantonali. La lotta efficace a tali fenomeni richiede una stretta cooperazione e coordinazione che esula dalle rispettive aree di competenza.

Nel febbraio 2011 il Consiglio federale ha pertanto istituito un gruppo di lavoro interdipartimentale interno all’amministrazione, cui sono stati associati anche i Cantoni, incaricato di elaborare una strategia di gestione integrata delle frontiere a livello svizzero. Il Consiglio federale ha preso atto del rapporto finale di questo gruppo strategico "Gestione integrata delle frontiere" (strategia IBM) nel giugno 2012.

La strategia riunisce in un unico strumento tutte le attività istituzionali finalizzate a combattere la migrazione illegale, il traffico di migranti qualificato e la criminalità transfrontaliera, garantendo al tempo stesso il buon funzionamento dell’immigrazione legale. Per attuare la strategia, il Consiglio federale ha istituito un gruppo di lavoro incaricato di elaborare un piano d’azione che definisca misure concrete. Nel luglio 2014 il Consiglio federale ha preso atto del piano d’azione "Gestione integrata delle frontiere". Nel novembre 2014 ne ha preso atto anche la Conferenza dei direttori cantonali di giustizia e polizia (CDDGP).

I Cantoni hanno un ruolo centrale nell’attuazione della strategia e del piano d’azione. La consigliera federale Simonetta Sommaruga e il consigliere di Stato Hans-Jürg Käser hanno pertanto firmato, il 13 novembre 2014, un accordo quadro in materia di cooperazione di polizia tra il Dipartimento federale di giustizia e polizia (DFGP) e la CDDGP, che codifica l’impegno della Confederazione e dei Cantoni per un’attuazione congiunta e scaglionata (durante il periodo 2014-2017) del piano d’azione.

Grazie alle sue 68 misure operative e strategiche, il piano d’azione assicura l’attuazione degli obiettivi definiti nella strategia. Le misure spaziano da miglioramenti puntuali a innovazioni di ampio respiro nel settore della gestione delle frontiere all’interno del Paese e all’estero.

La Segreteria di Stato della migrazione SEM monitora l’attuazione del piano d’azione e stende ogni anno un pertinente rapporto all’attenzione del Consiglio federale e della CDDGP. Anche dal rapporto annuale relativo al 2016 emerge un bilancio perlopiù positivo. Il 54 per cento delle 68 misure è stato realizzato (2015: 37%), mentre per il 24 per cento delle misure l’attuazione procede secondo i piani. Per determinati lavori di attuazione non è invece stato possibile avanzare come previsto. L’avanzamento di circa il 15 per cento delle misure è in parte critico, nel 4 per cento dei casi addirittura critico. Nel 3 per cento dei casi le misure si sono rivelate irrealizzabili già durante gli anni precedenti. I motivi di stallo sembrano risiedere principalmente nella ristrettezza delle risorse disponibili, il che lascia supporre, in ultima analisi, che le varie unità organizzative abbiano attribuito una priorità relativamente bassa alle misure in questione. Il Consiglio federale e la CDDGP hanno preso atto del rapporto annuale 2016 alla fine di giugno 2017.

La strategia IBM è stata messa in campo nel 2012. Il pertinente piano d’azione copre il periodo 2014-2017, il che significa che le ultime misure devono essere avviate entro la fine del 2017 e concluse entro la fine del 2019. Prima di iniziare - come di consueto in stretta collaborazione con le autorità partner - i lavori per lo sviluppo di una strategia successiva, la SEM commissionerà una valutazione esterna delle attività svolte sinora. La valutazione esterna dovrà analizzare con spirito critico la rilevanza, la funzionalità, l’efficacia, l’economicità, la coerenza e la sostenibilità delle attività svolte, individuare i potenziali migliorativi e fornire una base sicura per l’elaborazione di una nuova strategia - se auspicabile.

vai a inizio pagina Ultimo aggiornamento 30.06.2017