Rapporto sulle ammissioni provvisorie e i permessi per casi di rigore

Berna. Mercoledì il Consiglio federale ha pubblicato un rapporto sui permessi per casi di rigore e le ammissioni provvisorie degli ultimi cinque anni. Il rapporto illustra i motivi per cui sono state disposte le ammissioni provvisorie e la loro correlazione con i permessi rilasciati per casi di rigore.

Secondo il rapporto, il 70 per cento delle ammissioni provvisorie è disposto in quanto l’allontanamento non è ragionevolmente esigibile. Si tratta principalmente di Paesi in cui imperversa una guerra civile o una situazione di violenza generalizzata. In cima alla lista delle ammissioni provvisorie disposte per questo motivo figura la Somalia (2609 ammissioni), seguita da Afghanistan (1826), Sri Lanka (1307) e Iraq (1160).

Dal canto suo, la statistica 2009-2013 relativa ai permessi per casi di rigore mostra che ogni anno sono rilasciati 2000-3000 permessi di questo tipo. Circa l’84 per cento è stato concesso a persone già ammesse provvisoriamente.

Il rapporto è stato stilato in adempimento del postulato 13.3771 "Asilo: statistiche sui permessi per casi di rigore". Illustra le basi legali, i tipi di ammissione provvisoria, da un lato, e i permessi rilasciati per casi di rigore, dall’altro, come pure le differenze tra questi due istituti.

Documenti

Ultima modifica 03.09.2014

Inizio pagina

Contatto

Segreteria di Stato della migrazione
Martin Reichlin
Quellenweg 6
CH-3003 Berna-Wabern
M +41 58 465 93 50
Mobile2 +41 58 465 78 44
Mobile3 +41 79 227 85 08
info@sem.admin.ch

Stampare contatto

https://www.sem.admin.ch/content/ejpd/it/home/attualita/news/2014/2014-09-031.html