Continuare la politica fruttuosa in materia di libera circolazione nell'interesse dell'economia

Il Consiglio federale avvia la consultazione relativa alla proroga dell'Accordo sulla libera circolazione delle persone con l'Unione europea

Comunicati, DFGP, 23.01.2008

Berna. Dall'introduzione nel 2002 a questa parte, la Svizzera ha fatto esperienze positive in materia di libera circolazione, che è molto importante per la crescita economica della Svizzera. L'Accordo sulla libera circolazione delle persone tra la Svizzera e l'UE va pertanto mantenuto anche dopo il 2009. Il Consiglio federale ha avviato una pertinente consultazione che durerà fino al 27 febbraio 2008.

Inizialmente l'Accordo sulla libera circolazione delle persone era stato concluso per una durata di sette anni. È prorogato tacitamente se nessuna delle parti notifica la mancata proroga entro il termine di tale periodo, ovvero entro il 31 maggio 2009. Al momento di licenziare i bilaterali I, il Parlamento svizzero aveva stabilito che la continuazione dell'Accordo sarebbe stata decisa mediante decreto federale soggetto a referendum. Il Parlamento deve procedere alla votazione finale durante la sessione estiva 2008 per consentire lo svolgimento tempestivo di un'eventuale votazione popolare (entro il 31 maggio 2009).

L'Accordo sulla libera circolazione delle persone con l'UE ha una grande importanza per l'economia svizzera ed ha fortemente contribuito alla crescita economica del nostro Paese. Consente di preservare i posti di lavoro disponibili e di crearne di nuovi. La continuazione coerente dell'accordo consolida le relazioni bilaterali con l'UE e quindi anche l'accesso agevolato delle imprese svizzere al mercato interno dell'UE (490 mio. di persone). I quasi sei anni di esperienza in materia di libera circolazione hanno dimostrato l'infondatezza dei timori secondo i quali l'Accordo avrebbe dato adito a un'immigrazione di massa. Non si sono constatati neppure un dumping salariale sistematico né il cosiddetto turismo sociale. Grazie alle misure accompagnatorie e all'apertura graduale e controllata, la Svizzera si è inoltre assicurata contro eventuali rischi in tal senso. Questa politica coronata di successo va pertanto proseguita.

Originariamente era previsto di inviare in consultazione la proroga dell’Accordo contemporaneamente all’estensione della libera circolazione delle persone alla Romania e alla Bulgaria. Ciò tuttavia non è possibile poiché al momento attuale non vi è ancora un risultato definitivo delle trattative in merito all’estensione della libera circolazione delle persone a questi due Stati. Visto il nesso contenutistico tra la proroga e l’estensione dell’Accordo si prevede tuttavia di svolgere contemporaneamente la procedura d’approvazione parlamentare.

vai a inizio pagina Ultimo aggiornamento 23.01.2008

Contatto

Contatto / informazioni

Segreteria di Stato della migrazione
T
+41 58 465 11 11
Contatto
Direzione degli affari europei DAE
T
+41 58 462 22 22
Contatto

Cartina

Direzione degli affari europei DAE

Palazzo federale Est
3003 Berna

Mostra sulla cartina