Firmato l’accordo di riammissione tra Svizzera e Romania

Comunicati, DFGP, 13.06.2008

Berna. Oggi a Zurigo la consigliera federale Eveline Widmer-Schlumpf e il ministro rumeno dell’Interno e della Riforma amministrativa Cristian David hanno firmato il rinnovato accordo di riammissione tra Svizzera e Romania.

In seguito all’adesione di Romania e Bulgaria all’UE il 1° gennaio 2007, per la Svizzera era importante rafforzare la cooperazione bilaterale in materia di migrazione con questi due Paesi e aggiornare gli accordi di riammissione vigenti. I lavori per il rinnovo dell’accordo di riammissione con la Romania sono stati conclusi con successo a Bucarest il 27 febbraio 2008; le trattative si sono basate sullo stesso modello che la Svizzera sottopone anche ad altri Stati membri dell’UE. Con la sua entrata in vigore, il rinnovato accordo di riammissione con la Romania sostituirà l’accordo del 9 febbraio 1996.

L’accordo prevede un obbligo di riammissione reciproco e senza formalità di tutti i propri cittadini. D’ora in poi la Svizzera potrà rimpatriare anche cittadini di Paesi terzi e apolidi se questi non adempiono o non adempiono più le condizioni per l’entrata e il soggiorno in Svizzera. Sarà così possibile rimpatriare anche un’importante categoria di persone che sfruttano la Romania soltanto come Paese di transito. Questa novità permette di colmare una grossa lacuna dell’accordo.

Durante un colloquio di lavoro precedente la firma la consigliera federale Widmer-Schlumpf ha posto l‘accento sulle buone relazioni bilaterali tra Svizzera e Romania esprimendo ottimismo sull’esito di un’eventuale votazione popolare sull’estensione a Romania e Bulgaria dell’accordo sulla libera circolazione delle persone.

In seguito alla firma la consigliera federale Eveline Widmer-Schlumpf e il ministro Cristian David assisteranno alla partita tra Italia e Romania.

vai a inizio pagina Ultimo aggiornamento 13.06.2008

Contatto

Contatto / informazioni

Servizio d'informazione DFGP
T
+41 58 462 18 18
Contatto