Visita del direttore dell'UFM in Nigeria

Comunicati, SEM, 14.07.2010

Berna. Stamane la delegazione svizzera recatasi in Nigeria per informare le autorità locali in merito alle cause del decesso del cittadino nigeriano detenuto in vista dell'espulsione, e per concretizzare il partenariato sulla migrazione tra la Svizzera e la Nigeria, è tornata su suolo elvetico.

Condotta dal direttore dell'Ufficio federale della migrazione (UFM), la delegazione dell'UFM e del Dipartimento federale degli affari esteri (DFAE) è rientrata stamane da Abuja. Ha informato le autorità nigeriane in merito al decesso, il 17 marzo 2010 all'aeroporto di Zurigo, del cittadino nigeriano in procinto di essere allontanato. Come già rilevato dal Ministero pubblico del Canton Zurigo, la vittima era affetta da una grave malattia cardiaca non diagnosticata che, stando alla perizia medico-legale, non era praticamente individuabile in vita. Il direttore dell'UFM Alard du Bois-Reymond ha espresso alle autorità nigeriane profondo rammarico per il tragico incidente.
In margine alle indagini del Pubblico ministero, l'UFM ha analizzato i processi di concerto con le autorità coinvolte, adottando misure urgenti nel settore dell'assistenza medica e dell'informazione. Per ogni volo speciale l'UFM ricorre d'ora in poi a una scorta medica (composta di un medico e di un soccorritore) incaricata di garantire la sorveglianza e l'assistenza medica delle persone allontanate dalla Svizzera. I Cantoni provvedono a che sia garantita la comunicazione dei dati medici necessari.

Alard du Bois-Reymond ha inoltre proposto ai suoi interlocutori nigeriani la presenza di rappresentanti delle autorità nigeriane a bordo dei voli speciali. Dal 2011 osservatori indipendenti avranno parimenti accesso ai voli speciali. Al momento i due Stati curano contatti molto fitti in vista di determinare la data della ripresa dei voli speciali a destinazione della Nigeria. I voli speciali verso le altre destinazioni hanno ripreso già dal mese di giugno.

La delegazione ha discusso con le autorità nigeriane la cooperazione tra i due Stati nel settore della migrazione, vagliando altresì le possibilità di intensificare tale cooperazione. La visita ha pertanto consentito in particolare di far avanzare i negoziati in vista del previsto partenariato sulla migrazione. Nella cornice di una politica migratoria globale coerente, il partenariato mira a lottare contro i problemi legati alla migrazione irregolare e a promuovere gli effetti benefici della migrazione. Le autorità nigeriane e la delegazione svizzera si sono rallegrate dei progressi conseguiti sinora e hanno espresso soddisfazione per l'imminenza della conclusione delle trattative. Nel prossimo ottobre è attesa in Svizzera una delegazione nigeriana. Il partenariato sulla migrazione è volto a promuovere progetti comuni in settori quali la migrazione e lo sviluppo, il coinvolgimento della diaspora, la lotta alla tratta di esseri umani, la prevenzione della migrazione irregolare, la riammissione e la reintegrazione nonché il potenziamento delle risorse dei servizi amministrativi competenti in materia di migrazione.

vai a inizio pagina Ultimo aggiornamento 14.07.2010

Contatto

Contatto / informazioni

Segreteria di Stato della migrazione
T
+41 58 465 11 11
Contatto