Riassetto del settore dell’asilo: il Consiglio federale adotta il messaggio

Parole chiave: Asilo

Comunicati, Il Consiglio federale, 03.09.2014

Berna. Il Consiglio federale intende svolgere in modo più rapido ed equo le procedure d’asilo e procedere a un riassetto del settore dell’asilo. Dopo che i Cantoni, le città e i comuni avevano approvato il riassetto in occasione di due conferenze nazionali sull’asilo, mercoledì il Consiglio federale ha adottato le pertinenti modifiche di legge. Secondo tali modifiche la maggioranza delle procedure d’asilo dovrà essere decisa con passaggio in giudicato ed eseguita entro 140 giorni. Per garantire la qualità delle procedure sarà rafforzata la protezione giuridica dei richiedenti l’asilo.

Il messaggio sul riassetto del settore dell’asilo, adottato in data odierna dal Consiglio federale, trae origine dal rapporto sulle misure d’acceleramento di marzo 2011, dal rapporto finale del gruppo di lavoro della Confederazione e dei Cantoni e dalla dichiarazione congiunta della Conferenza nazionale sull’asilo di marzo 2014. La revisione della legge sull’asilo prevede procedure d’asilo più rapide, nel rispetto dello Stato di diritto. La maggioranza delle domande d’asilo, per le quali non sono necessari ulteriori accertamenti, saranno in futuro trattate e concluse in una procedura celere con una protezione giuridica più ampia. Durante l’intera procedura i richiedenti l’asilo saranno alloggiati in centri regionali della Confederazione fino al loro eventuale allontanamento dalla Svizzera. La procedura durerà al massimo 140 giorni.

Se per decidere in merito a una domanda d’asilo sono necessari ulteriori accertamenti, i richiedenti saranno attribuiti, come finora, ai Cantoni per la procedura ampliata. Tale procedura va conclusa entro un anno con decisione passata in giudicato e i richiedenti, con una decisione negativa, dovranno lasciare la Svizzera entro questo termine. Come finora, l’esecuzione dell’allontanamento spetterà ai Cantoni.

Protezione giuridica più ampia e consulenza

Affinché le nuove procedure si svolgano nel rispetto dei principi dello Stato di diritto, sono previste la consulenza sulla procedura d’asilo e la rappresentanza giuridica gratuite. Ciò garantisce che, oltre a essere notevolmente più rapide, le procedure d’asilo continuino a svolgersi in modo equo. I richiedenti l’asilo saranno inoltre informati tempestivamente e in modo esaustivo sull’offerta dell’aiuto al ritorno. L’accesso alla consulenza per il ritorno e la partenza volontaria saranno possibili in qualsiasi fase della procedura.

Ampia base per i nuovi centri della Confederazione

La Confederazione, i Cantoni, i comuni e le città hanno concordato di procedere insieme al riassetto del settore dell’asilo. Nel marzo 2014 hanno firmato una dichiarazione congiunta in cui hanno definito i parametri della pianificazione globale e il modello di indennizzo dei Cantoni di ubicazione. Vi saranno sei regioni in ciascuna delle quali saranno ubicati più centri della Confederazione. Il piano concreto di ubicazione sarà elaborato entro la fine del 2014 dall’Ufficio federale della migrazione (UFM) in stretta collaborazione con i consiglieri di Stato competenti dei Cantoni delle singole regioni.

Al momento, la Confederazione dispone di circa 1400 posti di alloggio in cinque centri di registrazione e procedura. Per il previsto riassetto del settore dell’asilo sono necessari, in base alle stime attuali, circa 5000 posti nei centri della Confederazione. Questa cifra comprende anche una riserva del 20 per cento, affinché anche in caso di aumento delle domande d’asilo i richiedenti non debbano essere distribuiti sui Cantoni.

Risparmi a medio termine

Secondo il diritto vigente, per gli edifici che sono utilizzati durevolmente o costruiti ex novo per l’alloggio di richiedenti l’asilo da parte della Confederazione, è necessaria una procedura ordinaria di autorizzazione di costruzione. Per consentire l’attuazione rapida del riassetto del settore dell’asilo, questa onerosa procedura sarà sostituita da una nuova procedura di approvazione dei piani.

A medio termine, il riassetto del settore dell’asilo permetterà di risparmiare fino a 170 milioni di franchi all’anno rispetto al sistema odierno. Per mettere a disposizioni gli alloggi e i relativi posti di lavoro sono necessari investimenti pari a 548 milioni di franchi.

Prime esperienze della fase di test a Zurigo

La fase di test del riassetto del settore dell’asilo è stata avviata il 6 gennaio 2014 a Zurigo. I primi risultati sono positivi. Le procedure celeri si sono potute concludere rapidamente e nel rispetto dello Stato di diritto. I costi preventivati non sono stati superati. L’UFM ha incaricato esterni di valutare l’economicità dei processi e l’efficacia delle procedure celeri. I risultati intermedi di tale valutazione saranno presentati entro la fine dell’anno.

vai a inizio pagina Ultimo aggiornamento 03.09.2014

Contatto

Contatto / informazioni

Segreteria di Stato della migrazione
T
+41 58 465 11 11
Contatto
Servizio d'informazione DFGP
T
+41 58 462 18 18
Contatto

Dipartimento responsabile

Dipartimento federale di giustizia e polizia
Contatto

Cartina

Dipartimento federale di giustizia e polizia

Palazzo federale ovest
CH-3003 Berna

Palazzo federale ovest, Berna

Mostra sulla cartina