Il Consiglio federale proroga la fase di test per le procedure d’asilo accelerate

Parole chiave: Asilo

Comunicati, Il Consiglio federale, 05.06.2015

Berna. Il Consiglio federale intende proseguire a Zurigo la fase di test per le procedure d’asilo accelerate. Ha pertanto deciso di prorogare la relativa ordinanza fino al 28 settembre 2019.

Da inizio gennaio 2014, la Segreteria di Stato della migrazione (SEM) sta testando procedure d’asilo accelerate nel centro di procedura di Zurigo. Tali procedure costituiscono il pilastro del previsto riassetto del settore dell’asilo, il cui scopo principale è quello di riuscire a concludere in via definitiva, in modo equo e decisamente più rapido di oggi, la maggior parte delle procedure d’asilo nei centri regionali della Confederazione.

Sulla base della proroga delle misure urgenti nel settore dell’asilo decisa dal Parlamento il 26 settembre 2014, il Consiglio federale estende la durata di validità dell’ordinanza sullo svolgimento di fasi di test nel settore dell’asilo (Ordinanza sulle fasi di test) fino al 28 settembre 2019. Oltre a ottimizzare ulteriormente le procedure d’asilo accelerate in vista dell’attuazione del riassetto, tale decisione permette di beneficiare più a lungo degli investimenti effettuati nella fase di test e abbassare i costi di ammortamento. La proroga entrerà in vigore il 29 settembre 2015.

La fase di test soddisfa le condizioni per la proroga

La SEM ha incaricato quattro organizzazioni esterne di valutare la fase di test. A febbraio 2015, un primo rapporto intermedio ha stabilito provvisoriamente che la fase di test ha prodotto una sostanziale accelerazione delle procedure. Nella fase di test, infatti, la durata delle procedure accelerate e delle procedure Dublino è diminuita quasi del 30 per cento rispetto alla durata ordinaria, senza alcuna ripercussione negativa sulla qualità delle decisioni. La valutazione ha confermato che in linea di massima la fase di test funziona. A Zurigo, lo sviluppo di tale fase continuerà a essere monitorato attentamente. I risultati di tale valutazione verranno pubblicati in un rapporto finale, presumibilmente all’inizio del 2016.

vai a inizio pagina Ultimo aggiornamento 05.06.2015

Contatto

Segreteria di Stato della migrazione
T
+41 58 465 11 11
Contatto