Procedure d’asilo più veloci sono la chiave per una politica d’asilo credibile e corretta

Comunicati, Il Consiglio federale, 21.03.2016

Berna. Il settore dell’asilo in Svizzera deve essere efficiente e fondarsi su principi coerenti e giusti. Procedure d’asilo lunghe sono onerose e costose. Soprattutto nei periodi in cui il numero delle domande d’asilo è elevato, appare evidente quanto siano importanti procedure veloci. In stretta collaborazione con i Cantoni, l’Unione delle città e l’Associazione dei Comuni, il Consiglio federale ha elaborato un progetto per velocizzare le procedure d’asilo. Il Parlamento ha adottato con grande maggioranza la pertinente revisione della legge sull’asilo, contro la quale è stato lanciato il referendum. Il Consiglio federale e il Parlamento raccomandano di accettare la modifica della legge sull’asilo in votazione il 5 giugno 2016.

In data odierna, la consigliera federala Simonetta Sommaruga, capo del Dipartimento federale di giustizia e polizia, ha presentato gli argomenti del Consiglio federale a favore della velocizzazione delle procedure d’asilo. È stata assistita dai presidenti della Conferenza delle direttrici e dei direttori dei dipartimenti cantonali di giustizia e polizia (CDDGP), della Conferenza delle direttrici e dei direttori cantonali delle opere sociali (CDOS) e dell’Unione delle città svizzere.

La riorganizzazione radicale del settore dell’asilo permetterà di velocizzare notevolmente le procedure d’asilo. Procedure rapide sono infatti la chiave per una politica in materia d’asilo coerente e credibile. L’attuale crisi europea in materia di rifugiati mostra quanto siano importanti procedure veloci. Il Consiglio federale ritiene fondamentale che le persone la cui vita e integrità fisica sono minacciate ricevano protezione in Svizzera e riescano a integrarsi quanto prima. Coloro che invece non hanno bisogno della protezione della Svizzera devono lasciare il nostro Paese. La revisione tesa a velocizzare le procedure d’asilo consolida questo principio.

Procedure più rapide e meno ricorsi grazie alla tutela giuridica

Per garantire che, nonostante i termini brevi, le procedure siano corrette ed eque sotto il profilo dello Stato di diritto, i richiedenti l’asilo usufruiscono di consulenza e di un rappresentante legale. In tal modo essi comprendano meglio i propri diritti e obblighi e sono più propensi ad accettare una decisione negativa. Di conseguenza i ricorsi sono più mirati e la loro quota diminuirà notevolmente, il che velocizza le procedure e sgrava il sistema dell’asilo. Tale fatto è stato confermato dalla fase di test di Zurigo, in cui sono state collaudate le nuove procedure: sia la loro durata sia la quota di ricorsi sono diminuite di un terzo rispetto alle procedure precedenti, mentre il numero di coloro che rimpatriano volontariamente si è triplicato.

Il nuovo sistema riduce i costi

Anche lo svolgimento di gran parte delle procedure d’asilo nei centri d’asilo della Confederazione, previsto dalla riorganizzazione del settore dell’asilo, contribuisce a velocizzarle. In tali centri sono riunite sotto un unico tetto tutte le persone e le organizzazioni importanti per la procedura d’asilo: oltre ai richiedenti l’asilo, anche le persone incaricate d’interrogarle, i traduttori, i rappresentanti legali e i consulenti per il ritorno. Questo rende più efficaci i processi e riduce i costi, sgravando nel contempo i Cantoni.

Le procedure velocizzate sono meno costose anche per un altro motivo: poiché ricevono più rapidamente la decisione positiva, le persone cui è concesso il diritto di rimanere in Svizzera sono in grado di integrarsi e provvedere al proprio sostentamento più velocemente. Per contro, le persone oggetto di una decisione negativa devono lasciare più rapidamente la Svizzera e quindi riscuotono meno prestazioni di aiuto sociale e soccorso d’emergenza.

Una riforma elaborata in comune con un ampio sostegno

La velocizzazione delle procedure d’asilo gode di un ampio sostegno. La modifica di legge è stata elaborata di comune accordo tra la Confederazione, i Cantoni, l’Unione delle città e l’Associazione dei comuni. Il Parlamento l’ha adottata con grande maggioranza. Inoltre, in giugno 2013 anche il Popolo ha accettato con una maggioranza del 78 per cento le misure urgenti della legge sull’asilo, approvando quindi in linea di massima la velocizzazione delle procedure d’asilo.

vai a inizio pagina Ultimo aggiornamento 21.03.2016

Contatto

Contatto / informazioni

Servizio d'informazione DFGP
T
+41 58 462 18 18
Contatto

Dipartimento responsabile

Dipartimento federale di giustizia e polizia
T
+41 58 462 21 11
Contatto

Cartina

Dipartimento federale di giustizia e polizia

Palazzo federale ovest
CH-3003 Berna

Palazzo federale ovest, Berna

Mostra sulla cartina