Il Consiglio federale intende sviluppare ulteriormente il sistema Dublino

Comunicati, Il Consiglio federale, 02.06.2017

Soprattutto in periodi di migrazione elevata, il sistema di Dublino si è trovato ripetutamente sotto pressione per diversi motivi. Infatti, non tutti gli Stati si sono attenuti alle regole vigenti. Inoltre, il sistema europeo in materia di asilo non prevede una ripartizione proporzionale dei richiedenti l’asilo. Attualmente, oltre a registrare le persone in cerca di protezione, gli Stati alle frontiere esterne di Schengen devono anche eseguire la procedura d’asilo. Nel 2015 e 2016 questi Stati si sono trovati in difficoltà dovendo registrare un gran numero di migranti e rifugiati. Il Consiglio federale ritiene necessaria una riforma del sistema di Dublino e s’impegna pertanto per il suo ulteriore sviluppo. È invece del parere che siano difficilmente realizzabili i centri per richiedenti l’asilo al di fuori dello spazio Dublino, come osserva nel rapporto in adempimento a un postulato, adottato nella riunione del 2 giungo 2017.

Il rapporto del Consiglio federale "Ridefinizione di Schengen-Dublino, coordinamento europeo e ripartizione degli oneri" osserva che non sono soltanto gli Stati Dublino alle frontiere esterne di Schengen a subire la pressione migratoria. In virtù delle loro condizioni d’accoglienza, delle possibilità di lavoro e della diaspora esistente, le persone in cerca di protezione prediligono anche gli Stati dell’Europa centrale e settentrionale.

Il sistema di Dublino è di grande importanza proprio per questi Paesi. Dal 2009 la Svizzera ha emanato 60 000 decisioni Dublino e nel 2015 è stata lo Stato che ha trasferito il maggior numero di persone a un altro Stato Dublino. In tale contesto il rapporto illustra l’importante ruolo dell’Italia per la Svizzera. Nell’ultimo anno la cooperazione tra i due Paesi è notevolmente migliorata, grazie soprattutto al fatto che da un po’ di tempo l’Italia registra praticamente tutti i migranti in arrivo. A causa delle diverse condizioni quadro vigenti negli Stati Dublino i migranti continuano tuttavia a spostarsi nello spazio Dublino con un conseguente indebolimento del sistema. Il Consiglio federale ritiene necessaria una riforma del sistema di Dublino e pertanto s’impegna attivamente per rafforzarlo.

Sostegno solidale all’interno dell’Europa

A livello europeo, il Consiglio federale si sforza affinché diminuiscano le grandi differenze relative alle condizioni d’accoglienza e alle quote di riconoscimento e di conseguenza si riduca l’incentivo per i migranti di spostarsi all’interno dello spazio Dublino. Inoltre, già da alcuni anni il Consiglio federale s’impegna per l’introduzione di una chiave di ripartizione europea e quindi per una distribuzione equa tra gli Stati Dublino delle persone in cerca di protezione, come chiesto dall’autore del postulato. La Svizzera aderisce anche ai programmi di reinsediamento e ricollocazione dell’UE. Infine, esperti svizzeri partecipano alle attività dell’Ufficio europeo di sostegno per l’asilo (EASO) e, trattandosi di Stati Dublino particolarmente esposti, sostengono in loco e in via bilaterale la Grecia e l’Italia.

Centri extraeuropei per richiedenti l’asilo

Il Consiglio federale ritiene invece difficilmente realizzabile l’idea di gestire centri extraeuropei per richiedenti l’asilo. A causa della situazione in molti Stati dell’Africa del Nord, appare impossibile concludere in un prossimo futuro gli accordi necessari per gestire tali centri. Inoltre, la loro istituzione solleva numerose questioni, ad esempio in riferimento alle basi legali, al finanziamento e allo statuto giuridico delle persone in cerca di protezione alloggiate nei centri. Inoltre, l’allestimento di questi centri potrebbe creare un incentivo alla migrazione ed è presumibile che molti richiedenti l’asilo respinti tenterebbero lo stesso di entrare irregolarmente nello spazio Dublino.

Gli ultimi anni hanno evidenziato che le sfide nel settore della migrazione non possono essere superate dai pochi Stati situati alle frontiere esterne dell’UE. Il Consiglio federale riconosce che, a causa della loro posizione geografica e di altri fattori, determinati Stati sono più esposti rispetto ad altri e che quindi hanno bisogno di un sostegno solidale. L’ulteriore sviluppo del sistema di Dublino è, in fin dei conti, nell’interesse di tutti gli Stati membri.

Con il rapporto, il Consiglio federale adempie il postulato Pfister ("Ridefinizione di Schengen-Dublino, coordinamento europeo e ripartizione degli oneri", 15.3242), approvato dal Consiglio nazionale il 19 giugno 2015.

vai a inizio pagina Ultimo aggiornamento 02.06.2017

Contatto

Contatto / informazioni

Informazione e comunicazione SEM
T
+41 58 465 78 44
Contatto

Dipartimento responsabile

Dipartimento federale di giustizia e polizia
T
+41 58 462 21 11
Contatto

Cartina

Dipartimento federale di giustizia e polizia

Palazzo federale ovest
CH-3003 Berna

Palazzo federale ovest, Berna

Mostra sulla cartina