Lotta al terrorismo: il Consiglio federale introduce modifiche mirate del diritto penale

Berna, 14.09.2018 - Il Consiglio federale intende migliorare le possibilità di perseguire gli atti terroristici e rafforzare la cooperazione internazionale. A tal fine introduce modifiche mirate in particolare del diritto penale. Nella seduta del 14 settembre 2018 ha preso atto dei risultati della consultazione sul suo avamprogetto e adottato il messaggio concernente il relativo disegno di legge. Il rafforzamento del dispositivo penale contro il terrorismo è uno dei tre progetti volti a prevenire e combattere più efficacemente gli atti terroristici.

Per prevenire e perseguire meglio i reati terroristici il Consiglio federale vuole adeguare in modo mirato il diritto svizzero, in particolare quello penale. Propone quindi l'introduzione di una nuova norma che punisce il reclutamento, l'addestramento e i viaggi a fini terroristici, incluse le relative operazioni di finanziamento.

La vigente legge federale di durata determinata che vieta i gruppi "Al-Qaïda" e "Stato islamico" nonché le organizzazioni associate ottiene una base legale permanente e le relative disposizioni sono formulate in modo più chiaro. Le modifiche attuano anche la Convenzione e il Protocollo addizionale del Consiglio d'Europa per la prevenzione e la lotta al terrorismo.

La revisione comporta anche un adeguamento dell'attuale norma penale sull'organizzazione criminale (art. 260ter CP) che era stata introdotta negli anni Novanta soprattutto per lottare contro le organizzazioni di stampo mafioso. L'adeguamento in questione precisa che ora la norma penale si applica anche alle organizzazioni terroristiche. Al fine di facilitare il lavoro delle autorità inquirenti sono inoltre modificati singoli criteri legali per determinare l'esistenza di un'organizzazione criminale o terroristica e l'entità della pena è maggiorata da cinque a 20 anni. Con questi adeguamenti il Consiglio federale attua anche la mozione 15.3008 della Commissione degli affari giuridici del Consiglio degli Stati.

Cooperazione internazionale migliorata

Per contrastare il terrorismo il Consiglio federale intende inoltre rafforzare la cooperazione internazionale. Da un lato vuole migliorare lo scambio e l'analisi delle informazioni sul finanziamento del terrorismo. A tal fine l'Ufficio di comunicazione in materia di riciclaggio di denaro potrà trattare le comunicazioni straniere anche quando non è data una comunicazione svizzera in proposito. 

Dall'altro, l'assistenza giudiziaria sarà, all'occorrenza, semplificata e accelerata. Il Consiglio federale ha tenuto conto delle osservazioni espresse in sede di consultazione. Le informazioni saranno trasmesse anticipatamente soltanto in casi eccezionali, ovvero in presenza di una minaccia o se l'assenza di questo tipo di trasmissione complicasse eccessivamente le indagini all'estero.

Il disegno di legge non ha subito modifiche importanti rispetto all'avamprogetto. La grande maggioranza dei partecipanti alla consultazione ha accolto favorevolmente le proposte del Consiglio federale.

Due altri progetti

Il messaggio, ora adottato dal Consiglio federale, rappresenta soltanto uno dei tre progetti tesi a rafforzare il dispositivo penale contro il terrorismo. Alla fine del 2017 i Cantoni, le città, i Comuni e la Confederazione hanno già approvato all'unanimità il "Piano d'azione nazionale per prevenire e combattere la radicalizzazione e l'estremismo violento" (PNA). La sua attuazione è in corso, la Confederazione sostiene progetti concreti con un programma d'incentivazione pari a cinque milioni di franchi.

Il terzo progetto dà facoltà alla polizia di adottare misure al di fuori di un procedimento penale contro i soggetti pericolosi, quali ad esempio l'obbligo di presentarsi regolarmente a un posto di polizia, il divieto di espatrio o anche gli arresti domiciliari. La relativa consultazione è attualmente sottoposta a esame.

L'obiettivo delle misure del Consiglio federale è contrastare la minaccia terroristica con maggiore fermezza, tutelando nel contempo i principi dello Stato di diritto e liberali della Svizzera.


Indirizzo cui rivolgere domande

Ufficio federale di giustizia, T +41 58 462 48 48, media@bj.admin.ch



Pubblicato da

Il Consiglio federale
https://www.admin.ch/gov/it/pagina-iniziale.html

Ufficio federale di polizia
http://www.fedpol.admin.ch/fedpol/it/home.html

Ufficio federale di giustizia
http://www.bj.admin.ch

Dipartimento federale di giustizia e polizia
http://www.ejpd.admin.ch

Ultima modifica 30.01.2024

Inizio pagina

Abonnarsi ai comunicati

https://www.ejpd.admin.ch/content/bj/it/home/aktuell/mm.msg-id-72187.html