Radiazione ionizzante

Ritratto

Ionisierende_Strahlung_P

Nella radioterapia medica è indispensabile conoscere esattamente la dose di radiazione ionizzante. Il METAS tara gli apparecchi di misurazione per la radioterapia e la medicina nucleare contribuendo in tal modo alla sicurezza dei pazienti e del personale ospedaliero. L'Ordinanza del DFGP sugli strumenti di misura delle radiazioni ionizzanti (OSMRI) regola l’immissione sul mercato e l’utilizzo di questi strumenti nei rami della radioprotezione e del la medicina.

Gli strumenti di misura delle radiazioni ionizzanti sono sottoposti ad un'ammissione ordinaria e ad una verificazione iniziale. Ulteriori periodiche tarature sono ugualmente richieste al fine di mantenere la stabilità della misura di questi strumenti.

Il METAS come gli altri due laboratori di verificazione, l'Istituto Paul Scherrer (PSI), a Villigen, e l'Istituto di Radiofisica (IRA), a Losanna, offrono le prestazioni richieste dall’ordinanza.

Il METAS tara i dosimetri degli impianti per la radioterapia ad alta energia. Il METAS dispone di un acceleratore di fasci di elettroni e fotoni ad alta energia, oltre che di un’unità per la radiazione da 60Co.

La dose è misurata in unità del SI Gray (Gy = J/kg).

Il METAS è inoltre responsabile della verificazione degli attivimetri, utilizzati in medicina nucleare per il dosaggio di prodotti radiofarmaceutici.

L’attività è misurata in unità del SI Becquerel (Bq = 1/s).

Con lo scopo di garantire la riferibilità delle misure della dose a livello svizzero e di rimanere al vertice del proprio campo di competenza, il laboratorio «Radioterapia» sviluppa e mantiene due campioni primari per la realizzazione della dose assorbita in acqua: il calorimetro ad acqua e il dosimetro di Fricke.

Prestazioni di servizi

Ionisierende_Strahlung_DL

La sezione tecnica «Radioterapia» dispone sia di un acceleratore di elettroni anche di un’unità di radiazione a 60Co. L’acceleratore permette di generare dei fasci di elettroni e fotoni ad alta energia con qualità d’irradiamento (energie) variabili.

Per determinare il coefficiente di calibrazione della dose assorbita in acqua da parte di un dosimetro appartenente ad un cliente, questo deve essere comparato con una camera di ionizzazione campione secondario in un fantoccio d’acqua entro condizioni ben definite. Le camere di ionizzazione campione secondario sono tarate utilizzando le campione primario.

Verificazione

Il METAS propone le seguenti verificazione:

• Dose assorbita in acqua per la radiazione da fotoni:
rapporto tessuto-fantoccio TPR2010 tra 0.639 e 0.802 (4 MV a 21 MV)
• Dose assorbita in acqua per la radiazione da elettroni:
profondità di semi-attenuazione R50 tra 1.75 g/cm2 e 8.54 g/cm2 (5 MeV a 22 MeV)
• Dose assorbita in acqua per la radiazione da 60Co
• Dose assorbita in acqua per i raggi X molli fino a 100 kV
• Kerma in aria per la radiazione da 60Co
• Kerma in aria per i raggi X molli fino a 100 kV
• Verificazione di attivimetri

Ammissione e esame del tipo

Rilasciamo ammissioni nazionali per gli strumenti di misurazione delle radiazioni ionizzanti e eseguiamo gli esami del tipo.

Si possono trovare informazioni sul deposito di una domanda di ammissione di un tipo nel formulario allegato.

Antrag zur Zulassung Messmittel für ionisierende Strahlung

Laboratori di verificazione

I laboratori di taratura delegati propongono le seguenti verificazione:

• Dosimetri per radioterapia con raggi X da 150 kV a 300 kV (IRA)
• Dosimetri per radiodiagnostica (IRA)
• Monitors di contaminazione superficiale (PSI, IRA)
• Apparecchiature per la misura dell’intensità di dose ambientale (PSI, IRA)
• Camere di ionizzazione a pozzo (IRA)
• Apparecchiature per la misura del radon (PSI)

Ricerca e sviluppo

Ionisierende_Strahlung_F&E

Campione primario: calorimetro ad acqua
Con il calorimetro ad acqua, la dose assorbita in acqua Dw è determinato dalla misura estremamente precisa di una differenza di temperatura. L’aumento di temperatura dovuto alla dose di radiazione assorbita è misurato per mezzo di termometri ad altissima sensibilità in un recipiente di vetro chiuso e riempito d’acqua ultra pura a 4°C, temperatura ottimale di stabilità termica.
Questo campione primario è utilizzato soprattutto per la radiazione di fotoni ad alta energia.

Campione primario: dosimetro di Fricke
Il dosimetro di Fricke è un dosimetro di tipo chimico, che utilizza l’effetto ossidante della radiazione ionizzante in una soluzione di ferro Fe2+. La dose di radiazione assorbita da una soluzione di Fricke (solfato di ferro (II) e d’ammonio) trasforma gli ioni di Fe2+ in ioni Fe3+, la cui concentrazione è misurata per mezzo della spettroscopia d’assorbimento di radiazione UV.
Il dosimetro di Fricke si presta in modo particolare al ruolo di campione primario per la radiazione di elettroni.

I campioni primari sono regolarmente tarati attraverso comparazioni di misura internazionali.

Progetti in corso
Sviluppo di un nuovo protocollo di dosimetria prodotto-dose-superficie per fasci di protoni a scansione, utilizzando delle camere di ionizzazione piane disposte parallelamente, in collaborazione con l’istituto Paul Scherrer (PSI).

vai a inizio pagina Ultimo aggiornamento 27.11.2017

Contatto

Istituto federale di metrologia
Laboratorio di verificazione dosimetri
Lindenweg 50
CH-3003 Berna-Wabern
T
+41 58 387 01 11
Contatto
Istituto federale di metrologia
Laboratorio di verificazione attivimetri
Lindenweg 50
CH-3003 Berna-Wabern
T
+41 58 387 01 11
Contatto