Asilo: statistiche di luglio 2018

Parole chiave: Statistiche sull’asilo

Comunicati, SEM, 13.08.2018

A luglio sono state presentate in Svizzera 1374 domande d’asilo, ossia 320 in meno rispetto a 12 mesi prima (-18,9%) e 128 in più rispetto al mese precedente (+10,3%). I migranti arrivati in questo mese sulle coste italiane sono ancora molto pochi (2000 persone circa), mentre è aumentato il numero di sbarchi in Spagna (10 000 persone circa). Da diversi mesi, la Svizzera non è il primo Paese di destinazione per i migranti che entrano in Europa (indipendentemente dall’arrivo in Spagna, Italia o Grecia).

A luglio la Segreteria di Stato della migrazione (SEM) ha liquidato in prima istanza 2257 domande d’asilo: 382 con decisione di non entrata nel merito (di cui 322 in virtù dell’accordo di Dublino), 620 con la concessione dell’asilo e 765 con l’ammissione provvisoria. Il numero di domande in sospeso in prima istanza è diminuito di 735 unità rispetto al mese precedente e si attesta a 15 002.

I principali Paesi di provenienza dei richiedenti l’asilo in Svizzera restano l’Eritrea, con 260 domande, ossia 38 in più rispetto a giugno, e la Siria (145 domande; +33), seguiti da Turchia (117 domande; +62), Afghanistan (115 domande; -7) e Iraq (72 domande; +34).

Nello stesso mese, 616 persone hanno lasciato la Svizzera sotto il controllo delle autorità. Il nostro Paese ha chiesto ad altri Stati Dublino di prendersi carico di 537 richiedenti l’asilo; di questi, 163 sono stati trasferiti negli Stati competenti. Dal canto suo la Svizzera ha ricevuto 541 domande di presa in carico presentate da altri Stati Dublino; ha quindi accolto 154 persone.

Programmi di reinsediamento

Il programma di reinsediamento dell’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati (ACNUR) si rivolge a persone particolarmente vulnerabili cui l’ACNUR ha riconosciuto lo statuto di rifugiati e che si trovano in Siria o in Paesi vicini. Nel quadro di questo programma, nel corso del mese di luglio sono arrivate in Svizzera 139 persone di nazionalità siriana. Alla fine del mese, delle 2000 vittime del conflitto siriano che a dicembre 2016 il Consiglio federale aveva deciso di ammettere entro due anni, ne sono state accolte 1135.

Info complementari

Documentazione

Dossier

Novità

vai a inizio pagina Ultimo aggiornamento 13.08.2018

Contatto

Informazione e comunicazione SEM
T
+41 58 465 78 44
Contatto