Aiuto al ritorno nel settore degli stranieri (LStrI)

La legge federale sugli stranieri e la loro integrazione (LStrI) consente a determinati gruppi di persone rientranti nel settore degli stranieri di beneficiare dell’aiuto al ritorno della Confederazione (art. 60 LStrI). Trattasi dei seguenti gruppi di persone:

  • le persone che hanno lasciato lo Stato d’origine o di provenienza a causa di un grave pericolo generale, segnatamente un conflitto armato, una guerra civile o una situazione di violenza generalizzata, o che non potevano rientrare in tale Stato durante il perdurare della minaccia, sempreché il loro soggiorno sia stato conforme alla LStrI ed esse siano tenute a lasciare la Svizzera;
  • le persone che, durante l’esercizio della prostituzione, sono vittima di reati ai sensi della legge federale concernente l'aiuto alle vittime di reati (LAV) e desiderose di uscire dalla prostituzione;
  • le vittime e i testimoni della tratta di esseri umani;
  • le persone ammesse provvisoriamente che lasciano la Svizzera in maniera volontaria o conforme alle prescrizioni in seguito a una revocazione dell’ammissione provvisoria.

La Segreteria di Stato della migrazione (SEM) offre un aiuto al ritorno specializzato per le vittime della tratta di esseri umani e per le vittime secondo la LAV nel settore della prostituzione.

La SEM appoggia progetti di lotta alla tratta di esseri umani nei Paesi d’origine delle vittime (aiuto strutturale).

Circolari

vai a inizio pagina Ultimo aggiornamento 27.06.2019