Rapporto Monitoraggio NEM relativo al quarto trimestre del 2005

Parole chiave: Sostegno finanziario | Asilo

Comunicati, SEM, 08.06.2006

Berna-Wabern. Tra il 1° ottobre 2005 e il 31 dicembre 2005, è stata emessa una decisione di non entrata nel merito passata in giudicato (NEM) nei confronti di 525 richiedenti l’asilo, i quali sono stati pertanto esclusi dal sistema di aiuto sociale del settore dell’asilo. Nel quarto trimestre del 2005, 878 persone hanno chiesto e ottenuto l’aiuto immediato. Delle 4 990 persone la cui NEM è passata in giudicato prima del 1° aprile 2004 (casi transitori), nel quarto trimestre 971 percepivano ancora un aiuto immediato. Il 1° aprile 2006 è entrata in vigore la modifica dell’ordinanza concernente l’esecuzione dell’allontanamento e dell’espulsione di stranieri. Conformemente a quest’ultima, l’indennità per l’aiuto immediato versata per ogni decisione di non entrata nel merito passata in giudicato è stata umentata a 1'800 franchi, con effetto retroattivo al 1° gennaio 2005. Il rapporto tiene conto di tale modifica.

Dal 1° aprile 2004 i richiedenti l’asilo nei cui confronti è stata emanata una decisione di non entrata nel merito non ottengono più l’aiuto sociale e possono beneficiare soltanto dell’aiuto immediato minimo garantito dalla Costituzione. Per le 4 990 persone (i cosiddetti casi transitori) la cui NEM era passata in giudicato prima del 1° aprile 2004, la Confederazione ha versato all’occorrenza ai Cantoni un aiuto sociale ordinario sino alla fine del 2004. Con il concorso dei Cantoni, la Confederazione monitora le ripercussioni di questo blocco dell’aiuto sociale sulle persone nei confronti delle quali è stata pronunciata una decisione di non entrata nel merito passata in giudicato (NEM). Il rapporto si fonda
sui risultati del quarto trimestre del 2005.

Risultati

Tra ottobre e dicembre 2005 sono passate in giudicato 525 decisioni di non entrata nel merito. Dall’aprile del 2004 a questa parte, sono complessivamente 6’195 le persone con una decisione di non entrata nel merito passata in giudicato.
Nel quarto trimestre del 2005, i Cantoni hanno versato un aiuto immediato a 878 persone con una NEM passata in giudicato secondo il nuovo diritto (contro le 830 del terzo trimestre 2005). Nel quarto trimestre, 971 dei cosiddetti casi transitori percepivano ancora un aiuto immediato (contro i 1'067 del terzo trimestre 2005).
Le spese per l’aiuto immediato sono nuovamente aumentate passando da 1'181'109 franchi a 1'559'661 franchi. I costi – non comprendenti quelli per le prestazioni sanitarie – sono aumentati, per persona e giorno, da 21 a 26 franchi. La durata media dell’aiuto nell’arco di un trimestre ammonta ora a 62 giorni, rispetto ai 60 giorni del trimestre
precedente.
Nel quarto trimestre del 2005 i Cantoni hanno ricevuto indennità per l’aiuto immediato pari a 945'000 franchi nonché, in 87 casi, indennità per l’esecuzione dell’allontanamento (pari a 1’000 franchi per caso). A queste indennità si contrappongono spese pari a 1'559'661 franchi. Nel quarto trimestre 2005 i Cantoni hanno dunque fatto segnare un deficit di 527'661 franchi per quanto concerne l’aiuto immediato per le persone con una NEM giusta il nuovo diritto.
Tenendo conto dell’aiuto immediato per i casi transitori, i Cantoni hanno avuto uscite pari a 3'614'734 franchi (per un deficit di 2'669'734 franchi).
Oltre all’aiuto immediato, i Cantoni hanno investito 1'229'338 franchi per le strutture di alloggio destinate a persone con una NEM.

Soggiorno illegale e delinquenza

 Nel quarto trimestre 2005, 271 persone con NEM secondo il nuovo diritto sono state fermate dalla polizia 378 volte; il 47 per cento (178) di esse esclusivamente a causa del soggiorno illegale e il 25 per cento per infrazioni alla legge sugli stupefacenti e/o per reati patrimoniali. Il numero dei fermi e delle persone fermate è diminuito globalmente del 20 per cento rispetto al trimestre precedente.
Per quanto riguarda i cosiddetti casi transitori, nel quarto trimestre del 2005 il numero dei fermi è diminuito del 17 per cento. Il 38 per cento dei fermi è dovuto esclusivamente al soggiorno illegale e il 22 per cento a infrazioni alla legge sugli stupefacenti e/o a reati patrimoniali.

Aiuto al ritorno nei centri di registrazione della Confederazione (REZ)

Dal mese di marzo 2005 è previsto che l’aiuto al ritorno venga fornito anche dai centri di registrazione dell’UFM. Tale aiuto, comprendente la consulenza per il ritorno nonché l’organizzazione e il finanziamento del rientro, è destinato alle persone che ritirano la propria domanda o che hanno ricevuto una decisione NEM, purché quest’ultima non sia
ancora passata in giudicato. Grazie al REZ, da marzo a dicembre 2005 sono partite autonomamente 438 persone (di
cui 161 nel quarto trimestre).

vai a inizio pagina Ultimo aggiornamento 08.06.2006

Contatto

Contatto / informazioni

Segreteria di Stato della migrazione
T
+41 58 465 11 11
Contatto