Controlli più efficaci e frontiere esterne di Schengen più protette

Berna-Wabern, 23.08.2023 - La Svizzera intende contribuire a rafforzare la protezione delle frontiere esterne di Schengen. È quanto prevede il messaggio che il Consiglio federale ha trasmesso al Parlamento il 23 agosto 2023. La creazione di un nuovo fondo rende più efficaci i controlli di frontiera rafforzando quindi la protezione delle frontiere esterne di Schengen. Il Fondo costituisce un importante strumento di solidarietà, in quanto sostiene in particolare gli Stati Schengen che, per la loro posizione geografica, affrontano costi elevati per la protezione delle frontiere esterne.

Lo strumento di sostegno finanziario per la gestione delle frontiere e la politica dei visti (Fondo BMVI) succede al Fondo per la sicurezza interna, cui la Svizzera ha aderito nel 2018 fino alla sua scadenza a fine 2020. Il Fondo BMVI intende, da un lato, contribuire a una maggiore efficacia dei controlli e quindi a una migliore protezione delle frontiere esterne con conseguente riduzione delle entrate illegali; dall'altro, intende mettere a disposizione risorse per agevolare e accelerare le entrate legali.

La dotazione finanziaria del Fondo BMVI è preventivata a circa 6,241 miliardi di euro tra il 2021 e il 2027 - esclusi i contributi degli Stati Schengen. La Svizzera prevede di contribuirvi con circa 300 milioni di euro per sette anni. La partecipazione al Fondo non comporta oneri supplementari per i Cantoni.

Sostegno finanziario per la Svizzera

Nel corso della durata del Fondo, la Svizzera riceverà a sua volta risorse finanziarie pari a circa 50 milioni di euro per attuare misure nazionali, tra le quali in particolare la gestione integrata delle frontiere e una politica comune dei visti, compreso ad esempio l'ulteriore sviluppo dei sistemi informatici nell'ambito di Schengen, già approvati dall'Assemblea federale. Oltre a questo importo, in un secondo momento potranno essere assegnate anche ulteriori risorse vincolate.

Una protezione efficace delle frontiere esterne di Schengen contribuisce alla sicurezza e al controllo della migrazione in Svizzera. Meglio funzionano i controlli alle frontiere esterne, meno controlli sono necessari alle frontiere nazionali svizzere.

Approvazione da parte dell'Assemblea federale

Nel 2021 il Consiglio federale ha posto in consultazione la partecipazione della Svizzera al Fondo BMVI. La grande maggioranza dei partecipanti riteneva che la responsabilità di rafforzare le frontiere esterne andasse assunta congiuntamente da tutti gli Stati Schengen, in particolare nel contesto dell'attuale situazione migratoria.

Per disciplinare i propri diritti e doveri di partecipazione, in particolare per quanto concerne i contributi finanziari, la Svizzera e gli altri Stati associati, ossia Norvegia, Islanda e Liechtenstein, concluderanno con l'Unione europea un accordo aggiuntivo, che richiede l'approvazione del Parlamento. La Svizzera potrà presumibilmente partecipare al Fondo BMVI a partire dal 2024.

L'istituzione del Fondo BMVI costituisce uno sviluppo dell'acquis di Schengen, che la Svizzera si è in linea di massima impegnata a recepire.


Indirizzo cui rivolgere domande

Informazione e comunicazione SEM, T +41 58 465 78 44, medien@sem.admin.ch



Pubblicato da

Il Consiglio federale
https://www.admin.ch/gov/it/pagina-iniziale.html

Segreteria di Stato della migrazione
https://www.sem.admin.ch/sem/it/home.html

Ufficio federale della dogana e della sicurezza dei confini
https://www.bazg.admin.ch

Dipartimento federale di giustizia e polizia
http://www.ejpd.admin.ch

Dipartimento federale degli affari esteri
https://www.eda.admin.ch/eda/it/dfae.html

Ultima modifica 10.06.2024

Inizio pagina

button-nsb-abo

Abbonarsi ai comunicati

Sul portale del Governo svizzero potete abbonarvi ai comunicati stampa della SEM.

https://www.eschk.admin.ch/content/sem/it/home/sem/medien/mm.msg-id-97405.html