Brexit

Nel 2016 il Regno Unito ha deciso di uscire dall’Unione europea (UE). Questa decisione ha conseguenze anche per la Svizzera, dato che attualmente le relazioni tra il nostro Paese e il Regno Unito si basano principalmente sugli accordi bilaterali Svizzera-UE.

Nell’accordo di recesso le due parti hanno concordato una fase di transizione fino al 31 dicembre 2020 in cui il Regno Unito va equiparato a uno Stato membro dell’UE.

L’Accordo sulla libera circolazione delle persone (ALC) tra la Svizzera e l’UE rimane dunque applicabile ai cittadini britannici in Svizzera e ai cittadini svizzeri nel Regno Unito fino al 31 dicembre 2020. Durante questa fase transitoria sia i cittadini britannici che quelli svizzeri potranno acquisire sino al 31 dicembre 2020 i diritti garantiti dall’ALC.

Il Regno Unito costituisce un partner importante per la Svizzera. Per questo motivo, il Consiglio federale intende continuare a garantire anche dopo l’uscita dall’UE i reciproci diritti e obblighi acquisiti ed eventualmente estenderli (strategia "Mind the Gap").


Garantire i diritti acquisiti dei cittadini

Nella seduta del 19 dicembre 2018, il Consiglio federale ha approvato l’accordo con la Gran Bretagna sui diritti acquisiti dei cittadini dopo la Brexit. In virtù di tale accordo, i diritti garantiti agli Svizzeri e ai Britannici (p. es. diritti di soggiorno) in Svizzera o in Gran Bretagna in base all’Accordo sulla libera circolazione saranno mantenuti anche dopo la Brexit.

Dopo la sigla dell’accordo, il 25 febbraio 2019 a Berna, il Consiglio federale ha svolto la procedura di consultazione, conclusasi il 29 maggio 2019.

Il 6 dicembre 2019, il Consiglio federale ha adottato il relativo messaggio e lo ha trasmesso per approvazione al Parlamento.

L’accordo entrerà in vigore il 1° gennaio 2021 al termine della fase di transizione. Se l’UE o il Regno Unito prorogherà la fase transitoria, l’accordo entrerà in vigore al termine della fase di transizione prorogata.


Documentazione

Maggiori informazioni sull’accordo sui diritti dei cittadini sono reperibili qui:

Ultima modifica 01.02.2020

Inizio pagina