Centro federale temporaneo per richiedenti l’asilo sulla piazza d’armi di Thun

Comunicati, SEM, 30.11.2015

Berna. La Confederazione creerà gradualmente fino a 600 nuovi posti per alloggiare i richiedenti l’asilo. La Segreteria di Stato della migrazione (SEM), il Dipartimento federale della difesa, della protezione della popolazione e dello sport (DDPS), il Cantone di Berna e il Comune di Thun hanno convenuto di adibire a questo scopo, tra il 18 dicembre 2015 e la fine di maggio 2016, due capannoni situati sulla piazza d’armi di Thun. Presso il centro federale temporaneo per richiedenti l’asilo di Thun saranno predisposti anche posti di lavoro per il trattamento delle domande d’asilo.

Negli ultimi mesi la Segreteria di Stato della migrazione (SEM) ha registrato un elevato, crescente numero di domande d’asilo. Le capacità ricettive della Confederazione, sia in termini di alloggio sia in termini di trattamento delle domande d’asilo presso i centri di registrazione e procedura (CRP), sono pertanto raggiunte e in parte superate.

Per garantire l’accoglienza preliminare e la registrazione ordinata dei richiedenti l’asilo nonché il trattamento rapido delle domande, dalla primavera 2015 la SEM, in stretta collaborazione con Cantoni e Comuni, ha già aumentato le capacità ricettive della Confederazione, portandole a oltre 4300 posti. La SEM ha altresì accresciuto la capacità di trattamento delle domande d’asilo nei CRP adottando pertinenti misure organizzative.

D’intesa con il Cantone di Berna e la Città di Thun, la Confederazione intende ora utilizzare, in via temporanea, due capannoni situati sulla piazza d’armi di Thun quali centri procedurali per richiedenti l’asilo. Il primo capannone (A), dotato di 300 posti di accoglienza, sarà operativo dal 18 dicembre prossimo. Se necessario, vi sarà inoltre la possibilità di adibire all’espletamento delle procedure d’asilo anche un secondo capannone (B), dotato di ulteriori 300 posti. Ciò farebbe salire le capacità ricettive della Confederazione a circa 4900 posti.

Per i veicoli solitamente parcheggiati nei due capannoni sarà trovata un’altra sistemazione. I capannoni saranno separati anche architettonicamente dall’area circostante, in modo da garantire la sicurezza sulla piazza d’armi. Responsabile per l’assistenza ai richiedenti l’asilo e per la sicurezza presso il centro temporaneo, la SEM demanderà tali mansioni a due fornitori di prestazioni privati, ORS SA e Securitas SA.

Al centro per richiedenti l’asilo si accederà direttamente dalla via pubblica, senza attraversare la zona in cui si trovano gli alloggi dei soldati e le altre infrastrutture della piazza d’armi. La SEM predisporrà 30 posti di lavoro per la registrazione e l’audizione dei richiedenti l’asilo e per l’assunzione delle decisioni in materia d’asilo. Confederazione e Cantoni concordano sul proseguimento della strategia della Confederazione per il trattamento delle domande d’asilo, basata sull’evasione prioritaria – e per quanto possibile entro le strutture federali – delle domande insufficientemente motivate e di quelle il cui trattamento incombe a un altro Stato Dublino.

I posti resi operativi nella struttura militare saranno computati sul numero di richiedenti l’asilo da attribuire al Cantone di Berna conformemente alla chiave di riparto secondo la quale i richiedenti sono attribuiti ai Cantoni dai CRP. Il centro temporaneo per richiedenti l’asilo sarà chiuso il 31 maggio 2016, consentendo così il normale svolgimento della festa cantonale di ginnastica prevista per il giugno 2016.

Gli abitanti di Thun sono invitati a una manifestazione informativa che si svolgerà il 9 dicembre alle ore 19.30 presso la piazza d’armi di Thun alla presenza di rappresentanti della Confederazione, del Cantone di Berna e della Città di Thun.

vai a inizio pagina Ultimo aggiornamento 30.11.2015

Contatto

Confederazione:

Segreteria di Stato della migrazione
T
+41 58 465 11 11
Contatto

Canton Berna:
Iris Rivas
Responsabile del servizio della migrazione del Cantone Berna
T  +41 31 636 08 39
Contatto

Città di Thun:
Peter Siegenthaler, consigliere comunale
Capo della Direzione Sicurezza e opere sociali
T  +41 79 208 27 93