News

Comunicati (14.12.2017 - SEM)

Asilo: statistica del novembre 2017

Nel novembre 2017 sono state presentate in Svizzera 1443 domande d’asilo, ossia 85 in meno che nel mese precedente (−5,6%). Il numero di domande è diminuito di quasi un quarto rispetto al novembre dello scorso anno (−26,5%). Dal 1° gennaio al 30 novembre 2017 sono state presentate in Svizzera 16 887 domande d’asilo – evoluzione che conferma le previsioni più recenti della Segreteria di Stato della migrazione (SEM). Alla luce degli sviluppi recenti la SEM stima ormai a 18 500 (±1000) il numero complessivo di domande per l’anno in corso.

Comunicati (13.12.2017 - SEM)

Cantone e città di Berna e Confederazione esaminano alternative all'ubicazione di Lyss per il futuro centro federale d'asilo

La Confederazione, il Cantone di Berna e la città di Berna istituiscono un gruppo di lavoro congiunto incaricato di vagliare possibili ubicazioni per un centro federale d'asilo avente funzione procedurale sul territorio della capitale. La città di Berna è disposta a dare il proprio contributo in vista di una soluzione. Quale contropartita, il Cantone di Berna assicura alla capitale misure di compensazione per i compiti speciali da essa assunti. Finché non sarà trovata un'altra ubicazione che soddisfi i pertinenti requisiti, l'ubicazione di Lyss sarà mantenuta quale risultato intermedio nel Piano settoriale Asilo della Confederazione.

Comunicati (08.12.2017 - DFGP)

Attuazione dell’art. 121a Cost.: il Consiglio federale approva le modifiche delle ordinanze

Nella seduta dell’8 dicembre 2017 il Consiglio federale ha deciso le modalità di attuazione dell’articolo costituzionale sulla regolazione dell’immigrazione (art. 121a Cost.) a livello di ordinanza. La legge prevede in particolare l’introduzione di un obbligo di annunciare i posti vacanti nelle categorie professionali in cui il tasso di persone in cerca d’impiego raggiunge o supera una determinata percentuale. Visti i risultati della consultazione sull’ordinanza, il Consiglio federale ha deciso oggi di procedere a tappe, applicando una percentuale dell’8 per cento dal 1° luglio 2018 e del 5 per cento dal 1° gennaio 2020.

Comunicati (08.12.2017 - DFGP)

La Svizzera partecipa all’evacuazione dei rifugiati dalla Libia

La Svizzera accoglie subito, nel quadro di una misura umanitaria urgente, fino a 80 rifugiati particolarmente bisognosi di protezione che l’Alto commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati (ACNUR) evacua dalla loro precaria situazione in Libia. Nella seduta dell’8 dicembre 2017 il capo del Dipartimento federale di giustizia e polizia (DFGP) Simonetta Sommaruga ha informato il Consiglio federale che il DFGP ha accolto una corrispondente richiesta dell’ACNUR.

Comunicati (07.12.2017 - SEM)

Progetto pilota nella Svizzera romanda: la SEM affida la protezione giuridica alla Caritas Svizzera

Il mandato di consulenza e rappresentanza legale nel quadro del progetto pilota per le procedure d’asilo velocizzate nella Svizzera romanda è affidato alla Caritas Svizzera. La Segreteria di Stato della migrazione (SEM) ha incaricato la Caritas di garantire la protezione giuridica dall’aprile 2018 nei centri federali d’asilo di Boudry (NE) e di Giffers/Chevrilles (FR). Il mandato era stato messo a concorso il 1° settembre 2017. Delle tre presentate, l’offerta della Caritas Svizzera è quella economicamente più conveniente e che meglio adempie i requisiti qualitativi.

Comunicati (06.12.2017 - SEM)

Integrare meglio i rifugiati nell'economia

Il segretario di Stato Mario Gattiker ha conferito a Eduard Gnesa, già ambasciatore straordinario per la migrazione, un mandato in veste di incaricato per i rifugiati e l'economia. Durante sei mesi Eduard Gnesa informerà aziende private e associazioni economiche in merito alle possibilità di assumere rifugiati e persone ammesse provvisoriamente alle proprie dipendenze. L'obiettivo è anche quello di mettere a disposizione di queste persone posti di lavoro e di apprendistato adeguati in modo tale da integrarle nel mondo del lavoro a vantaggio di tutti.

Comunicati (01.12.2017 - DFGP)

Legge federale sugli stranieri e sull’integrazione: incentivi per migliorare l’integrazione

Nella seduta del 1° dicembre 2017 il Consiglio federale ha avviato la consultazione sul secondo pacchetto di modifiche delle ordinanze concernenti la nuova legge sugli stranieri (LStr). L’integrazione degli stranieri è un compito condiviso da Confederazione e Cantoni e per rafforzarla sono necessari incentivi e misure adeguate. S’intende in particolare promuovere l’apprendimento della lingua e facilitare l’accesso al mercato del lavoro dei rifugiati e delle persone ammesse provvisoriamente.

Comunicati (30.11.2017 - SEM)

Riassetto dell’settore dell’asilo: avviato un progetto pilota nei Comuni di Boudry e Chevrilles

In vista dell’entrata in vigore delle nuove procedure d’asilo celeri nel 2019, il 2 aprile 2018 nei centri federali d’asilo di Boudry (NE) e di Giffers/Chevrilles (FR) prenderà il via un progetto pilota che resterà operativo fino all’introduzione del nuovo sistema. Lo scorso 20 giugno la Confederazione e i Cantoni di Friburgo e Neuchâtel avevano annunciato l’intenzione di avviare una fase pilota in Svizzera romanda, alla stregua di quella effettuata a Zurigo. L’obiettivo consiste in particolare nel maturare esperienze in una realtà pluricantonale e nel favorire una collaborazione efficace tra i vari attori.

Comunicati (22.11.2017 - DFGP)

Stabiliti definitivamente i contingenti per i lavoratori provenienti da Stati terzi e i fornitori di prestazioni provenienti dall’UE/AELS

Rispetto al 2017, l’anno prossimo le imprese svizzere avranno la possibilità di assumere un numero moderatamente superiore di lavoratori qualificati provenienti da Paesi terzi e di fornitori di prestazioni provenienti dall’UE/AELS. Già alla fine di settembre il Consiglio federale ha preso una decisione di principio in merito all’aumento parziale dei tetti massimi per i contingenti. Nella sua seduta del 22 novembre 2017 ha approvato a tal fine la pertinente revisione parziale dell'ordinanza sull'ammissione, il soggiorno e l'attività lucrativa (OASA), che entrerà in vigore il 1° gennaio 2018, e autorizzato i contingenti per il 2018.

Comunicati (15.11.2017 - DFGP)

Una migliore integrazione grazie alla soppressione di oneri amministrativi

In futuro le persone ammesse provvisoriamente potranno accedere più agevolmente a un’attività lucrativa grazie all’abolizione del contributo speciale detratto dal reddito dell’attività lucrativa. Nella seduta del 15 novembre 2017, il Consiglio federale ha approvato un primo pacchetto con le pertinenti modifiche delle ordinanze concernenti la legge federale sugli stranieri (LStr) e deciso un’entrata in vigore parziale al 1° gennaio 2018.

vai a inizio pagina Ultimo aggiornamento 14.01.2015