News

Comunicati (01.07.2020 - SEM)

Coronavirus: obbligo della mascherina sui mezzi pubblici, quarantena per i viaggiatori provenienti da regioni a rischio, revoca di determinate restrizioni d’entrata dal 20 luglio

Nella sua seduta del 1° luglio 2020, il Consiglio federale ha adottato diversi provvedimenti per prevenire l’insorgenza di nuovi focolai di coronavirus. Visto l’aumento del traffico passeggeri e, dalla metà di giugno, anche dei nuovi casi d’infezione, ha deciso d’introdurre in tutta la Svizzera l’obbligo della mascherina sui mezzi pubblici da lunedì 6 luglio. I viaggiatori in provenienza da determinate regioni devono inoltre mettersi in quarantena. La revoca delle restrizioni d’entrata in Svizzera per un primo gruppo di Stati terzi è prevista il 20 luglio prossimo.

Comunicati (24.06.2020 - SEM)

Rapporto annuale sulle attività svizzere di politica migratoria estera

Nel 2019 la migrazione irregolare è nuovamente diminuita – la Svizzera ha registrato il numero più basso di domande d’asilo dal 2007. Nel contempo, in Grecia è stato tuttavia registrato un forte aumento degli sbarchi in provenienza dalla Turchia. Alla luce di questa situazione, la Svizzera si è impegnata sia per una riforma del sistema Dublino e una ripartizione equa delle responsabilità europee in riferimento alle persone bisognose di protezione sia per un rafforzamento delle frontiere esterne. Il sostegno ai Paesi di provenienza, di transito e di accoglienza assumerà un’importanza ancora maggiore in seguito alla crisi globale sanitaria ed economica dovuta al coronavirus. È quanto sottolinea il Consiglio federale nel suo rapporto annuale sulla politica migratoria estera, adottato nella riunione del 24 giugno 2020.

Comunicati (24.06.2020 - SEM)

Coronavirus: i lavoratori provenienti da Stati terzi possono essere riammessi

Dall’11 maggio 2020 le restrizioni d’entrata in Svizzera sono state gradualmente allentate. Il Consiglio federale ha ora deciso di abrogare del tutto a partire dal 6 luglio 2020 le restrizioni per l’ammissione di lavoratori provenienti da Stati terzi – ossia Stati che non sono membri né dell’UE né dell’AELS – dovute al coronavirus. A partire da tale data, i Cantoni tratteranno conformemente ai criteri usuali anche le domande di cittadini di Stati terzi non esercitanti un’attività lucrativa – ad esempio di pensionati. Tuttavia i cittadini di Stati terzi non potranno venire in Svizzera per vacanze: l’entrata per soggiorni esenti da permessi inferiori a 90 giorni continueranno a essere autorizzati soltanto in casi di assoluta necessità.

Comunicati (17.06.2020 - SEM)

Giornata mondiale del rifugiato 2020: sussidio didattico virtuale «Fuggire»

Il 20 giugno, giusto in tempo per la Giornata mondiale del rifugiato, la mostra di successo «Fuggire» va online. L’omonimo sussidio didattico virtuale offre ai giovani la possibilità di ripercorrere le varie tappe di una fuga e di comprendere meglio le difficoltà legate a situazioni simili e alla condizione di profugo. La piattaforma online è disponibile in italiano, francese, tedesco e inglese.

Comunicati (12.06.2020 - SEM)

Coronavirus: prolungate le misure temporanee di protezione nel settore dell’asilo

All’inizio di aprile, il Consiglio federale ha adottato misure per proteggere tutti gli attori coinvolti nella procedura d’asilo. In questo modo ha garantito da un lato la protezione dal contagio del virus e dall’altro le funzioni centrali del sistema d’asilo nonché la possibilità di continuare a eseguire le procedure d’asilo e di allontanamento. Queste misure sono inizialmente state disposte per un periodo di tre mesi. Nella seduta del 12 giugno 2020, il Consiglio federale ha deciso di prolungarle fino all’inizio di ottobre.

Comunicati (12.06.2020 - SEM)

Coronavirus: la Svizzera sopprime per tutti gli Stati UE/AELS le restrizioni legate al COVID

Nella seduta del 12 giugno 2020, il Consiglio federale ha preso atto della decisione del DFGP, di sopprimere dal 15 giugno 2020, come annunciato una settimana fa, le vigenti restrizioni d’entrata per tutti gli Stati Schengen. Da tale data, i controlli della Svizzera alle frontiere con questi Stati sono soppressi ed è completamente ripristinata la libera circolazione delle persone con tutti gli Stati UE/AELS e il Regno Unito.

Comunicati (11.06.2020 - SEM)

Asilo: statistiche di maggio 2020

Nel maggio 2020, in Svizzera sono state registrate 376 domande d’asilo, ossia 44 in più rispetto ad aprile. Il numero di domande è diminuito del 69,3 per cento (-850 domande) rispetto al maggio 2019. I flussi migratori all’interno dell’Europa sono diminuiti fortemente a causa delle misure di lotta al coronavirus quali i controlli alle frontiere o il divieto di viaggiare all’interno di certi Paesi.

Comunicati (05.06.2020 - DFGP)

Coronavirus: la Svizzera apre le frontiere con tutti gli Stati UE/AELS il 15 giugno

Nella seduta del 5 giugno 2020, la consigliera federale Karin Keller-Sutter ha informato il Consiglio federale che il Dipartimento federale di giustizia e polizia (DFGP) intende revocare le vigenti restrizioni d’entrata nei confronti di tutti gli Stati UE/AELS e il Regno Unito a partire dal 15 giugno.

vai a inizio pagina Ultimo aggiornamento 03.01.2020